jump to navigation

quelle candele al di là del Muro novembre 9, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , , ,
add a comment

In questi giorni si straparla sul Muro, sulla fine del simbolo del comunismo sovietico, sul popolo e sul suo innato bisogno di libertà. E ancora si straparla del Muro per nascondere la verità agli uni di qua e agli altri di là. Ma non si parla o comunque si parla poco delle manifestazioni di settembre e ottobre a Lipsia e in quella che era la Berlino dell’Est.

Io in quei giorni di vigilia ero lì. E come ho già scritto in altri post, dopo un viaggio-lavoro nella Rdt, come si chiamava prima dell’unificazione la parte Ovest, dopo essere passato per Dortmund, Francoforte, Amburgo, Berlino Ovest, col treno della S-Bahn arrivai dall’altra parte proprio nei giorni che precedettero le celebrazioni per i 40 anni della Ddr. Mi ricordo i poliziotti in divisa grigio-azzurro, gli stivaloni e le grosse cinture, i venditori di wurstel in Alexanderplatz, gli operai che montavano il palco per le autorità, il palco che poi avrebbe accolto i vari Ceausescu, Jaruzelsky, Jakes, Zhiwkov e lo stesso Honecker. In quei giorni ho passeggiato in lungo e in largo, ma soprattutto ho incontrato i ragazzi del Neues Forum: si radunavano davanti alle chiese spesso silenziosi, come in preghiera, e accendevano centinaia anzi migliaia di candeline.

Ricordo che le fiammelle tingevano la sera di giallo e di rosso e stavano lì in attesa. Ore e ore, finché non venne la grande sera del crollo. Una rivolta pacifica, coi volantini che passavano di mano in mano. Una specie di autunno caldo nel segno del cambiamento (Wende), un sessantotto. Le richieste sui volantini non erano più quelle Wir wollen raus, Vogliamo andar via, ma Wir bleiben hier, Noi rimaniamo qui. I miei amici tedeschi mi mostravano il palazzo della Stasi, era buio, incuteva paura, ma loro quei ragazzi la paura questa volta non l’avevano più.
In rete ho trovato un volantino diffuso in quei giorni dalla Neues Forum, lo riporto qui perché serve a capire:
“Vogliamo più spazio per l’iniziativa economica ma non una degenerazione in una società in cui prevalgano i più forti. Vogliamo conservare ciò che si è dimostrato valido e, tuttavia, far spazio a innovazioni che permettano di vivere risparmiando risorse e in maggiore armonia con la natura. Vogliamo relazioni sociali ordinate, ma non sotto tutela. Vogliamo esseri umani liberi, consapevoli di sè che però agiscano con consapevolezza sociale. Vogliamo essere protetti dalla violenza senza dover sopportare uno stato di sgherri e di confidenti della polizia. I fannulloni e gli sbruffoni devono essere allontanati dalle loro poltrone, ma non vogliamo svantaggi per chi è socialmente debole e indifeso. Vogliamo un sistema sanitario efficiente e per tutti, ma nessuno deve avere la possibilità di spassarsela a spese degli altri. Vogliamo esportare e partecipare al mercato globale, e tuttavia senza diventare né debitori e servi degli stati più industrializzati né sfruttatori e creditori dei paesi più poveri”.

Quando tornai a casa da quel mio viaggio, nella testa mi restò a lungo l’immagine – immagine che rivedo anche oggi – di Gunther e Christopf , divisi da un muro e che piano piano diventava acqua, anzi uno specchio, dove i due fratelli, quello che era rimasto per cambiare il proprio paese dall’interno e quell’altro fuggito per tentare di cambiarlo dall’esterno, diventavano un’unica persona.

Poi il Muro fu abbattuto e fu chiamata Unificazione.

Alexander Platz lyrics (Battiato)
E di colpo venne il mese di Febbraio
faceva freddo in quella casa
mi ripetevi: sai che d’Inverno
si vive bene come di Primavera!
Sì sì proprio così.
La bidella ritornava dalla scuola
un po’ più presto per aiutarmi
“ti vedo stanca hai le borse sotto gli occhi
come ti trovi a Berlino Est?”
Alexander Platz aufwiederseen
c’era la neve
faccio quattro passi a piedi
fino alla frontiera:
“vengo con te”.
E la sera rincasavo sempre tardi
solo i miei passi lungo i viali
e mi piaceva
spolverare fare i letti
poi restarmene in disparte come vera principessa
prigioniera del suo film
che aspetta all’angolo come Marlene.
Hai le borse sotto gli occhi
come ti trovi a Berlino Est?
Alexander Platz aufwiederseen
c’era la neve
ci vediamo questa sera fuori dal teatro
“ti piace Schubert?”

Guarda
ddr

San Nicola sfidò la Stasi

Battiato canta Alexander Platz lyrics

Annunci

dialoghi sul muro novembre 7, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , , , ,
add a comment

Botta e risposta:

Nel ventennale della ricorrenza della caduta del Muro di Berlino, il Pdl propone celebrazioni ufficiali e momenti di approfondimento, al fine di sensibilizzare le giovani generazioni… con l’auspicio che non vi sia più bisogno di erigere muri tra i popoli.

Forse perché fuori moda…del resto al posto del muro hanno il Mediterraneo e la legge sulla sicurezza.

Qui sotto alcuni stralci di un mio post dello scorso 22 maggio
Si intitolava tempo di muri :

“Est e Ovest sono due categorie sempre più relative, dipende dai punti di vista; la cosa importante è una sola: tutti hanno diritto ad andare dove vogliono e costruirsi una vita in qualunque paese. Siano essi tedeschi dell’Est o dell’Ovest”. Frasi datate e ormai superate. Fanno parte dei miei vecchi taccuini di viaggio e sono parole pronunciate da Gunther nell’ottobre dell’89 a Berlino Est. In una vecchia casa a Weissensee, in un appartamento riscaldato a carbone, in un grigio palazzo popolare di cinque piani senza ascensore, mi incontravo con Gunther pastore protestante e i due figli Christoph e Bernhard, quest’ultimo appena arrivato da Berlino Ovest dopo aver attraversato il confine sulla Friedrich strasse dieci anni dopo il suo salto del Muro.

Quell’incontro tra “gente divisa”, è ancora nella mia mente, i taccuini quasi non servono. Quella gente me la vedo ancora davanti, da una parte c’era chi era rimasto per cambiare il proprio paese dall’interno e dall’altra Bernhard fuggito per tentare di cambiarlo dall’esterno. Parole di Gunther mentre mi mostrava un volantino scritto con carta carbone della Neues forum: “La gente scappa perché vuole libertà, perché non può vivere sotto tutela. Certo, molti scappano dalla Ddr perché vogliono più soldi o perché se li hanno non hanno nulla da comperare. In realtà si scappa anche perché si cerca un futuro”. C’era una parola in quell’incontro che veniva ripetuta in continuazione. Quella parola era un verbo, era wagen che significa osare. “Adesso qui all’Est – mi dicevano Gunther e Christopf – la gente ha cominciato a osare, e ha trovato il coraggio non solo di scappare, ma anche di protestare e chiedere. Soprattutto due cose: giustizia e libertà”.

Un mese dopo quel nostro incontro, in meno di mezz’ora, la sera del 9 novembre furono migliaia le persone che scavalcarono il muro e passarono a Ovest; in dieci giorni diventarono migliaia: il Muro alto 3 metri e mezzo, costruito nel 61, a poco a poco venne abbattuto a colpi di piccone. “E’ la più grande migrazione dai tempi della seconda guerra mondiale” scrive nel suo “Patria” (pagina 285) Enrico Deaglio.

…quella lontana sera dell’89, quando salutai Gunther, suo padre e suo fratello, me ne andai a passeggio per un po’ per la Weissensee…nel quartiere vi abitavano gli ebrei, i nazisti li presero, li marchiarono come buoi poi li spedirono nelle camere a gas. Intorno a me vecchi palazzi guglielmini con i segni della guerra: lì raffiche di mitra, più in là un buco di una granata…

Letture:
1) All’Est ho imparato velocemente ad essere preparato a tutto (Vite nuove, Ingo Shulze – Feltrinelli)
2) Quando il muro di Berlino è caduto…
3)

tempo di muri maggio 22, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,
add a comment

“Est e Ovest sono due categorie sempre più relative, dipende dai punti di vista; la cosa importante è una sola: tutti hanno diritto ad andare dove vogliono e costruirsi una vita in qualunque paese. Siano essi tedeschi dell’Est o dell’Ovest”. Frasi datate e ormai superate. Fanno parte dei miei vecchi taccuini di viaggio e sono parole pronunciate da Gunther nell’ottobre dell’89 a Berlino Est. In una vecchia casa a Weissensee, in un appartamento riscaldato a carbone, in un grigio palazzo popolare di cinque piani senza ascensore, mi incontravo con Gunther pastore protestante e i due figli Christoph e Bernhard, quest’ultimo appena arrivato da Berlino Ovest dopo aver attraversato il confine sulla Friedrich strasse dieci anni dopo il suo salto del Muro.

Quell’incontro tra “gente divisa”, è ancora nella mia mente, i taccuini quasi non servono. Quella gente me la vedo ancora davanti, da una parte c’era chi era rimasto per cambiare il proprio paese dall’interno e dall’altra Bernhard fuggito per tentare di cambiarlo dall’esterno. Parole di Gunther mentre mi mostrava un volantino scritto con carta carbone della Neues forum: “La gente scappa perché vuole libertà, perché non può vivere sotto tutela. Certo, molti scappano dalla Ddr perché vogliono più soldi o perché se li hanno non hanno nulla da comperare. In realtà si scappa anche perché si cerca un futuro”. C’era una parola in quell’incontro che veniva ripetuta in continuazione. Quella parola era un verbo, era wagen che significa osare. “Adesso qui all’Est – mi dicevano Gunther e Christopf – la gente ha cominciato a osare, e ha trovato il coraggio non solo di scappare, ma anche di protestare e chiedere. Soprattutto due cose: giustizia e libertà”.

Un mese dopo quel nostro incontro, in meno di mezz’ora, la sera del 9 novembre furono migliaia le persone che scavalcarono il muro e passarono a Ovest; in dieci giorni diventarono migliaia: il Muro alto 3 metri e mezzo, costruito nel 61, a poco a poco venne abbattuto a colpi di piccone. “E’ la più grande migrazione dai tempi della seconda guerra mondiale” scrive nel suo “Patria” (pagina 285) Enrico Deaglio.

Perché ho buttato giù questo testo, perché nella mia mente sono affiorati questi ricordi è un mistero del mio cervello. Un mistero che comunque posso immaginare frutto di associazioni mentali legate a parole come migrazione, diritti, giustizia, libertà. Fatti di ieri, ma anche fatti di oggi. Un oggi che non mi piace. Dove si parla di respingimenti di migranti e quote. Dove un sindacalista della Cgil del Veneto apparso in Tv l’altra sera da Santoro uniformandosi a camice e fazzoletti verdi chiede di stoppare gli arrivi per garantire quelli che ci sono ad oggi, perché per altri non c’è posto. Senza sapere che entro il 2050 avremo per i cambiamenti climatici un miliardo di nuovi rifugiati (Fonte Onu); dimenticando i sessanta milioni di italiani che vivono oggi all’estero e che a loro volta vennero trattati male, cacciati o anche uccisi; ignorando che l’11% della popolazione mondiale (ovvero noi) consuma l’88% delle risorse del mondo. Nell’85 al tempo della siccità, sono stato in Etiopia. Mi ricordo che ho fatto tappa a Laisen a 50 minuti di auto da Asmara dove ho visitato i campi profughi dove migliaia di bambini morivano di fame. E dove ho scoperto che mentre c’era gente fiera e guerriera costretta a cibarsi di legno come le capre, mentre dall’Europa venivano mandati come aiuti al Terzo mondo macchinari e trattori più utili a chi li produceva che a quelli ai quali erano destinati, le multinazionali americane ed europee acquistavano a bassissimo prezzo (praticamente niente) arachidi, cacao, caffè, olio di palma, banane…Allora, ancora oggi.

Un oggi dove l’arroganza del potere – come al tempo di Honeker – non accetta controlli e regole. Dove un uomo riesce a conquistare le platee dicendo cose tipo: «Per la prima volta c’è un Governo nella storia del Paese retto da un imprenditore con una squadra di ministri che sembra un consiglio di amministrazione…Ma la legislazione che deve essere migliorata… Il presidente del Consiglio non ha nessuno potere, perché tutto il potere è stato dato al Parlamento che è pletorico: sono 630 deputati, ne basterebbero 100. Diranno che offendo il parlamento ma è la pura verità:le assemblee pletoriche sono assolutamente inutili e addirittura controproducenti. Serve ridurre drasticamente il numero dei parlamentari, tuttavia per farlo servirebbe un disegno di legge di iniziativa popolare, perché non si può chiedere ai capponi o ai tacchini di anticipare il Natale…Ci sono alcuni parlamentari che non si vedono mai, perché sono imprenditori, perché sono professionisti, e che hanno cose più importanti da fare che stare li per un giorno con le mani dentro la scatoletta del voto e votare cose che nessuno può sapere cosa sono perché quando ci sono 400 emendamenti… Come si vota? Immagino lo sappiate: si guarda il capo gruppo che fa un gesto e dice come si deve votare”.

Dove questo accade nel silenzio. Dimenticando ad esempio il famoso discorso di Mussolini il 16 novembre del 1922, era il primo discorso del nostro dittatore alla Camera: “Mi sono rifiutato di stravincere…con 300 mila giovani armati potevo fare di questa aula sorda e grigia un bivacco di manipoli…potevo sprangare il Parlamento…e costituire un governo esclusivamente di fascisti…Oggi per esempio 52 iscritti a parlare sulle mie comunicazioni sono troppi”.

La sera del 3 febbraio 1933 a Berlino il neo cancelliere Hitler incontrò i maggiori esponenti della Reichswehr, fra questi il generale Kurt von Hammerstein , capo di stato maggiore dell’esercito tedesco, uomo di destra che tuttavia considerava Hitler un confusionario non particolarmente pericoloso. Nel corso della cena Hitler espose i suoi obiettivi…Fu allora che Kurt von Hammerstein cambiò idea e divenne il punto di riferimento della resistenza contro Hitler.

Marie Terese von Hammerstein ricorda: “Inez Ville, giornalista e nipote di un generale dell’esercito della Confederazione, seduta in poltrona di fronte a mio padre…chiese: “Che cosa è successo?”. La risposta di mio padre fu pregnante e laconica: “Ci siamo tuffati a capofitto nel fascismo”. …A un giovane commilitone del terzo reggimento guardie disse: “Il 98 per cento del popolo tedesco è ubriaco”. (da “Hammerstein ovvero l’ostinazione” di Hans Magnus Ezensberger).

…quella lontana sera dell’89, quando salutai Gunther, suo padre e suo fratello, me ne andai a passeggio per un po’ per la Weissensee…nel quartiere vi abitavano gli ebrei, i nazisti li presero, li marchiarono come buoi poi li spedirono nelle camere a gas. Intorno a me vecchi palazzi guglielmini con i segni della guerra: lì raffiche di mitra, più in là un buco di una granata…
“Povera patria – canta Franco Battiato – Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali, che possa contemplare il cielo e i fiori, che non si parli più di dittature, se avremo ancora un po’ da vivere…”.