jump to navigation

basta apparire settembre 7, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , ,
trackback

Al cinema ho visto “Videocracy”, il film documentario di Erik Gandini, cineasta italiano ma da 18 anni residente in Svezia. Sono contento di averlo visto, ma alla fine, uscendo dalla sala, confesso che questo film avrei voluto non vederlo. Quel flusso di ragazze che ballano per diventare veline; quelle musiche e quegli applausi; quel Lele Mora che sorride mentre dice di essere mussoliniano e ci fa ascoltare “Faccetta nera” e ci fa vedere svastiche e croci celtiche; quel Fabrizio Corona che si profuma capelli, petto e pisello e intanto conta i soldi fatti con qualcosa che assomiglia ai ricatti…questo e altro mi hanno letteralmente fatto venire il voltastomaco. Perché hanno messo bene in evidenza il male recato al nostro paese in questi 30 anni di tv commerciale, o meglio dalle tv del presidente delle tv diventato presidente del Consiglio. Dove oggi l’apparire è più importante di qualunque cosa col risultato che un povero ragazzo che lavora al tornio o una qualunque ragazza di questo paese rivelano il loro unico desiderio: andare in tv per diventare qualcuno. Perché senza tv non vedono nient’altro; non vedono studio, scuola, gioco, lavoro, amicizia, solidarietà…Per tutto questo nella loro vita non c’è più posto.

E Berlusconi ride. Ride alla sfilata del 2 novembre, ride ai comizi del suo partito, ride mentre riceve la cittadinanza onoraria di Olbia, ride al Parlamento europeo, ride sfoggiando i suoi denti rifatti. E ridono le sue fans mentre cantano “meno male che Silvio c’è”. Il film di Erik Gandini chiude così: l’80 per cento della popolazione italiana ha la televisione come prima fonte di informazione; l’Italia è al 76 posto nella libertà d’informazione nel mondo; l’Italia è al 45° posto nelle pari opportunità uomo-donna.

Post scriptum 1): mi è capitato tra le mani un articolo dell’Unità dello scorso luglio: racconta la storia “straordinaria” di una bella ragazza di 23 anni (il nome preferisco non scriverlo) che per caso ha incontrato Berlusconi in un negozio di corso Vittorio a Roma… Quella ragazza – tanta voglia di diventare giornalista – è oggi assunta all’Ufficio stampa della presidenza del Consiglio dei ministri e ora accompagna il capo delle tv diventato presidente del Consiglio al G8, al G20, alla Casa Bianca..e altro non so.
Post scriptum 2): “nulla influenza le masse più della tv” parole di Berlusconi a Nessma tv.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: