jump to navigation

chi dice legione dice uniforme giugno 8, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , ,
trackback

…Sentendo parlare di legione civica, la folla si alzò di nuovo, sempre come un sol uomo, chi dice legione dice uniforme, chi dice uniforme dice camicia, adesso c’è solo da decidere di quale colore sarà, non è questione da risolvere qui comunque, per non farci dare delle scimmie, non la sceglieremo né nera , né bruna né azzurra, il bianco si sporca subito, il giallo è disperazione, il rosso Dio ce ne liberi, il porpora appartiene al Signore della via Crucis, quindi non resta che il verde e il verde è molto bello, lasciamocelo dire dagli eleganti giovani della Gioventù che, aspettando che arrivi il loro turno di ricevere l’uniforme, non sognano altro… (da L’anno della morte di Ricardo Reis – Josè Saramago)

E a proposito di Saramago qui  La cosa Berlusconi (da El Pais)

Annunci

Commenti»

1. luciano pellegrini - giugno 9, 2009

La cosa Berlusconi

Io non mi sento di criminalizzare una persona in questo modo,addirittura apostrofarlo con la parola “delinquente”.
E’ vero che un personaggio pubblico deve avere una condotta morale, ma chi è senza peccato scagli la prima pietra.
Quante persone predicano bene ma razzolano male?
Ogni persona dovrebbe avere una morale che è l’assieme di valori, norme e costumi di un individuo.
Ma anche una etica, che si riferisce all’intento razionale (cioè filosofico) di fondare la morale intesa come disciplina.
L’etica permette di distinguere i comportamenti umani in buoni, giusti, o moralmente leciti, rispetto ai comportamenti ritenuti cattivi o moralmente inappropriati.
Può anche essere definita come la ricerca di uno o più criteri che consentano all’individuo di gestire adeguatamente la propria libertà nel rispetto degli altri.
La corruzione della moralità – oggi particolarmente in voga – si chiama moralismo. Il moralismo è la scelta unilaterale dei valori per avallare la propria visione delle cose.
Quindi il personaggio pubblico deve mantenere un comportamento adeguato alla sua carica, ma è condannabile chi si appropria con atti illeciti della sua privacy consentendo all’ esterno il pettegolezzo morboso.

Luciano Pellegrini

2. cri - luglio 12, 2009

de luca, saramago… noto con piacere che condividiamo alcune letture. complimenti per il blog, tornerò a trovarti, anzi sai che ti dico? ora lo linko al mio!

3. francesco pier giuseppe lo piccolo - luglio 12, 2009

grazie cri, con l’occasione mi leggero un po’ del tuo moleskine


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: