jump to navigation

piazzisti vs pacifisti aprile 30, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , , , , , , ,
add a comment

oggi su Repubblica: “Sono certo che Berlusconi ci darà una mano”. Il numero uno di Finmeccanica, Pier Francesco Guarguaglini, è sicuro che il premier convincerà Barack Obama a confermare l’ordine per il nuovo elicottero della Casa Bianca. Guarguaglini ha spiegato che ci sono già stati contatti dei governi italiano e inglese con l’amministrazione americana e che lui stesso ha parlato con il Pentagono.

martedì 28 aprile sul Corriere della Sera: “Cinzia Bottene di “No Dal Molin” è stata ricevuta dalla Commissione sugli investimenti militari del Congresso Usa. Al ritorno ha detto: “Se penso a tutte le porte sbattute e all’indifferenza che abbiamo ricevuto qui in Italia…Lì invece hanno un concetto molto chiaro di democrazia formale: tutti possono e devono dire la loro. E così siamo riusciti a farci ricevere. C’era un grande silenzio quando parlavamo… (altro…)

Annunci

il 25 aprile è tutti i giorni aprile 27, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: ,
2 comments

Un passo del discorso di Pietro Calamandrei, ovvero: promemoria per “novelli liberatori”:

“…la nostra Costituzione è in parte una realtà, ma soltanto in parte è una realtà; in parte è ancora un programma, un ideale, una speranza, un impegno, un lavoro da compiere….la Costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta, la lascio cadere e non si muove; perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile; bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità…”.

il 25 aprile, Mister B e la legge 1360 aprile 25, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,
2 comments

“…se vi sentono quelli della Muti …zitti, zitti, se no finite nei campi in Germania”. “Attenti, c’è la banda Carità, se ti prendono prima ti torturano, poi ti uccidono”. “La banda Cock fa di peggio”.

Non so quanti possono ancora ricordare frasi così. Le dicevano impauriti i nostri padri e le nostre madri negli anni del fascismo e della Rsi. Le dicevano gli antifascisti, gli operai in sciopero che difendevano le fabbriche dai tedeschi, i partigiani, le donne, i vecchi. E gli ebrei in fuga. Gente massacrata nelle carceri, nei campi di concentramento, fucilata, mitragliata alle spalle, impiccata sugli alberi nelle piazze delle città e dei paesi con un cartello appeso al collo con la scritta bandito. Vittime degli uomini di Pavolini, della Banda Carità, della Muti, delle Brigate nere della Decima MAS. O dei corpi scelti che avevano giurato fedeltà a Hitler come le SS italiane, 15-20 mila persone, mostrine rosse e nere, sui berretti e sugli elmetti il “teschio d’argento”, sul bavero le due S stilizzate. (altro…)

il 25 aprile aprile 20, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , ,
4 comments

lib

A pochi giorni dal 25 aprile mi va di ricordare una persona che non c’è più. Si chiamava Enrichetta Comincioli e quando le parlai aveva 72 anni. Era novembre del 1995 ed Erich Priebke, il capitano delle SS che partecipò alla pianificazione e alla realizzazione della strage delle Fosse Ardeatine era appena stato estradato in Italia dall’Argentina. Enrichetta Comincioli lo vide in Tv e mi disse: “Vorrei partire per Roma e vederlo in faccia di persona e gridargli tutto il mio dolore”. Quando Enrichetta aveva solo 21 anni, Priebke era stato il suo aguzzino: nel ’44 la tenne prigioniera a Villa Brignetti, il quartier generale della gestapo, una villa di via Panoramica a Brescia, la villa da dove partivano i rastrellamenti dei partigiani in Val Trompia e dove i tedeschi tornavano con le loro vittime per gli interrogatori. E tra loro, tra le vittime dei torturatori c’era anche Enrichetta Comincioli. Le sue parole: “Quando l’ho visto in Tv mentre saliva sull’aereo, col suo bel soprabito, il cappello in testa, mi sono sentita male. Mi crede se le dico che ancora adesso ho paura”. Paura e dolore. In quella villa, vennero torturati Bruno Gilardoni, comandante partigiano e tanti altri.

Durò un mese la prigionia di Enrichetta Comincioli. I tedeschi volevano sapere dove si nascondevano i partigiani. (altro…)

commissioni di guerra aprile 17, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
add a comment

Alle ore 8.40 del mattino di mercoledì 8 aprile, a due giorni dal terremoto che ha distrutto l’Aquila, mentre le agenzie scrivevano che i morti erano già 250, a Roma c’era chi pensava alla guerra e dava parere favorevole all’acquisto di 131 caccia-bombardieri da attacco F-35 Lightning II per una spesa iniziale di 13 miliardi di euro. Aerei, come ha detto il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Vincenzo Camporini, “assolutamente vitali per la difesa del nostro Paese”.

Spinto da curiosità sono finito sul sito del Senato. E così ho scoperto che (altro…)

il terremoto permanente aprile 9, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags:
1 comment so far

ciao cari amici di Baires, il terremoto ci ha di nuovo buttati giù dal letto. La forte scossa è stata registrata alle 2:52, sempre con epicentro l’Aquilano. Come in casi analoghi, è stata avvertita anche a Roma e nell’Italia centrale. Al momento non ci sono ancora segnalazioni di danni. Secondo informazioni della Protezione civile, ha avuto una magnitudo di 5.2. E’ stata avvertita anche nella Marche, in particolare ad Ascoli Piceno. Nuovi crolli sarebbero avvenuti nelle zone già colpite del centro dell’Aquila e zone limitrofe. Verifiche sono in corso nei centri abitati di Pizzoli e Barete, che fino a oggi erano stati interessati solo marginalmente dal terremoto. Si temono altri crolli di case…una manna per i palazzinari delle casette a schiera, per i colpevoli di questo scempio alla natura, al verde Abruzzo, all’Appennino ancestrale, già vittima di inquinamento, della disdratazione del fiumi, dei rifiuti tossici nascosti a Bussi, dei maxi centri commerciali.

Ho paura di questo terremoto permanente, di coloro che hanno costruito le case con la sabbia, di coloro che non hanno controllato, degli amministratori che non hanno fatto fare i controlli, dei controllori dei controllori che non hanno controllato, dei dirigenti che non hanno visto, dei politici che permettono questo e quell’altro, delle leggi delle casette a schiera, degli aiuti che sono stati tempestivi, dell’inciucio perchè non è tempo di polemiche. Della bella stagione che verrà, della pasqua, e delle promesse dell’uomo col copricapo a colori, delle sue grandi opere e del piano casa. Perché i quasi 300 morti di questo terremoto abruzzese non sono morti solo per colpa del terremoto. Notte amici.

terremoti, ronde e paure aprile 7, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags:
add a comment

Mia figlia ha paura. Mia figlia è una ragazza di 16 anni, ama la matematica e mi dice che è tutta colpa nostra, che siamo noi che abbiamo violato la natura e che costruiamo case alte quando forse era meglio costruirle basse…che abbattiamo alberi quando invece vanno protetti…che pensiamo al nucleare e a costruire e vendere armi da guerra.

Poco prima delle 20 un’altra scossa l’ha gettata nel panico. Intanto a Roma, poco prima delle 20, il ministro Maroni pensa alla sicurezza e si batte alla Camera per far approvare il decreto sulle ronde. Forse per dare lavoro ai leghisti, non certo per il bene di gente saggia come i ragazzi come mia figlia. Cmq è stato battuto.

il terremoto in Abruzzo – numeri aprile 7, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , ,
add a comment

Sono crollate case nuove, costruite di recente. Case che avrebbero dovuto essere costruite secondo criteri antisismici. Parole di Franco Barberi sul Corriere della Sera. A proposito di parole, in Tv ci tocca sentire la bionda Susanna che – come si dice in Abruzzo – fa “la svelta” e dà i dati dello share. Numeri a caso: il 30 per cento ha visto la diretta, il 30 per cento lo speciale, il 30 per cento lo specialissimo. Ignorati gli altri numeri: in Italia ci sarebbero almeno 75-80 mila edifici pubblici da consolidare: 22 mila edifici scolastici in zone sismiche, 16 mila in zone ad alto rischio, oltre 9 mila non sono costruiti con criteri anti­sismici moderni; tutti gli edifici costruiti negli anni 50-60, a causa del tipo di cemento armato usato, sono a rischio sismico…

il terremoto in Abruzzo aprile 6, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , , , ,
add a comment

Mi era già successo in altre occasioni e in altri posti. Di nuovo il terremoto mi ha svegliato e spaventato. E anche questa volta, oltre alla paura e all’angoscia, per un po’ di tempo mi è restata addosso una sensazione di precarietà e impotenza. Stessa sensazione sentita quella volta in Umbria nel ’97 dove ero stato mandato dal Messaggero. E ancora prima nel ’76 durante il terremoto del Friuli che provocò oltre 900 morti. Allora ero lì per  “Nord Est”, settimanale del Triveneto, settimanale di battaglia. Sfoglio le vecchie impolverate riviste che ho recuperato dall’ultimo scaffale della libreria. Ecco il numero che cercavo, in copertina una foto seppiata, militari e volontari tra le macerie, il titolo è Friûl. All’interno ci sono gli articoli del direttore Valentino Giacomin e dei vari Sergio Tazzer, Giuseppe Nicotri, Tono Galla, Roberto Bianchin, Curzio Pettenò, Giuseppe Gioia, Enrico Ferri e di tanti altri. Guardo le foto. Sono foto in bianco e nero, sono foto di un’altra Italia, Italia senza il Servizio di Protezione civile, senza vere strutture per l’emergenza.

Da allora sono passati 33 anni: oggi abbiamo i volontari con le mascherine, la protezione civile, i ricercatori, gli esperti al lavoro o in Tv, i giornalisti alla Cucuzza che cercano storie umane. (altro…)

la liberazione di Elena R. aprile 2, 2009

Posted by pagineonlife in società.
Tags: , , , , , ,
1 comment so far

Anni di impegno sociale. Dalle campagne per la raccolta del sangue alla difesa del verde, dalla lotta contro gli infortuni sul lavoro alla guerra alle discriminazioni e al razzismo. In linea con gli scopi della Fondazione (“contribuire alla soluzione di problemi morali, civili ed educativi della comunità”), Pubblicità Progresso ha fatto campagne anche contro gli sballi del sabato notte, gli incidenti domestici, a favore del volontariato, per la solidarietà verso i malati, per la sicurezza….

ma i tempi cambiano, altre emergenze incombono, altri spot prendono piede: ora Pubblicità Progresso manda in onda casa per casa il video con la bella Elena Russo, quella della telefonata di Berlusconi a Saccà (“Ho quel problema con Elena Russo, vorrei che si concretizzasse”) sommersa dai rifiuti che prende colore e viene “liberata”. Mentre una voce fuori campo, la voce del poliziotto Deckard di Blade Runner (Gammino-Harrison Ford), dice: “Napoli aveva un problema, il governo è intervenuto”.
Della serie: dall’impegno sociale allo spottone anti munnezza e pro governo.
il parere della Fondazione

◊ mala tempora ovvero  storie di discriminazione e razzismo: a Napoli una donna di 24 anni è stata separata per una decina di giorni dal neonato appena dato alla vita perché sospetta clandestina; a Foggia è stata istituita una «linea» di bus solo per gli immigrati.