jump to navigation

bilanci familiari marzo 3, 2009

Posted by pagineonlife in società.
1 comment so far

Lettera a parenti:  “Cari cugini, anche per noi questo inizio d’anno sta portando grande abbondanza. L’ultimo stipendio di febbraio mi permette di sognare in grande e programmare un futuro senza più preoccupazioni. Ne ho fatta di strada, vorrei dire, da quando percepivo soltanto 58 mila lire. Che tempi tristi quelli di allora: dal droghiere A… spendeva 40-45 mila lire; l’affitto era di 15 mila lire; 6 mila lire andavano via per il latte; 3.500 per la luce; 5 mila per il riscaldamento; 4 mila lire per il pane; 8 mila di carne, più spese varie, benzina, qualche rata e via discorrendo. Ero sempre in passivo di 40 mila lire. Allora di briciole non ce n’erano neanche per le tarme. Ma oggi il mio stipendio di febbraio 1967 è stato uno stipendio da nababbi. Ho riscosso £  325.500.  Troppa grazia.  E voi come state? E’ da gennaio che non ho vostre notizie.  Sinceri saluti,  vostro M….”.

Messaggio via mail: “Cara moglie, devo dire che le cose vanno bene. Economicamente non mi posso certo lamentare. Ma lavoro moltissimo, tra commissioni e lavori dell’aula alla fine sono stanchissimo. Non vedo l’ora che arrivi la fine della giornata.  Ma ci sono buone notizie:  è in discussione la proposta di una settimana di vacanza al mese. Alcuni senatori sono contrari, ma non sono la maggioranza. Dimenticavo: un’altra bella notizia è che alla buvette del Senato – è su Repubblica di oggi – hanno abbassato i prezzi. Tranquilla la casta non c’entra. Semplicemente è cambiato il gestore. E così la pasta al ragù da euro 1.80 è passata a 1.50 centesimi. Il piatto di roasbeef da 2.50 a 2 euro. Ed è sceso anche il caffè: da 50 a 42 centesimi. Ciao devo interrompere, devo votare. Baci. Tuo G… “neo senatore romano”.

Annunci